mercoledì 3 ottobre 2007

Belle, ladre e anni 80: OCCHI DI GATTO

Tratta dal fumetto di Tsukasa Hojo, la serie animata di “Occhi di gatto” viene trasmessa nel nostro paese a partire dal settembre 1985, prima su Italia 1 e poi in replica su Rete 4.


Divenuta un vero e proprio must fra i cartoni degli anni 80 anche grazie all’indimenticabile sigla interpretata da Cristina d’Avena, la storia di questo anime giapponese racconta le avventure spericolate di tre belle sorelline che rubano per ricostruire la collezione di opere d’arte realizzate dal padre, Michael Heintz, un artista scomparso durante la seconda guerra mondiale.

Sheila, Kelly e Tati (veri nomi: Gitomi, Rui e Ai), che durante il giorno gestiscono un piccolo bar nella periferia di Tokyo, il non troppo discreto “Cat’s eye cafè”, di notte indossano calzamaglie aderentissime (viola per Kelly, azzurra per Sheila e arancione per Tati) trasformandosi nell’inafferrabile banda Occhi di gatto, i cui colpi hanno sempre buon esito grazie all’aiuto del signor Marloss, amico del padre, e ai piani infallibili delle due sorelle maggiori, costantemente supportati dai potenti marchingegni della piccola Tati.

A complicare le già ardue e inverosimili imprese delle tre “gattine” c’è Matthew (Toshio), detective sulle tracce della mitica banda di ladre in tutina e tacchi a spillo, ingenuamente fidanzato con Sheila ed eternamente sconfitto nelle tante missioni pianificate insieme al suo capo e alla spietatissima collega Alice.
Il finale della serie (di cui non parlerò per non rovinare la sorpresa a chi deve ancora gustarlo) mostra Matthew sempre più sospettoso e vicino alla verità, invaghito di una delle tre nemiche (guarda caso Sheila) e fortemente speranzoso che possa essere proprio lei, la ladra che ha assorbito ogni sua energia e a cui dà la caccia da così tanto tempo, la sua vera fidanzata.
Del resto, si sa, in amore vince chi fugge…


Alcuni link da non perdere:

- La sigla italiana: http://www.youtube.com/watch?v=IqICiIlWOjk&mode=related&search=

- La sigla tedesca (con un'altra musica): http://www.youtube.com/watch?v=WMQg1zv5Mhw

- Video di immagini dedicato a Mattew e Sheila: http://www.youtube.com/watch?v=zYrzvNkaJP0

- Cristina d'Avena canta Occhi di gatto con i Gem Boy al ROXY BAR: http://www.youtube.com/watch?v=ZtPY92HfrKc

- Cristina d'Avena in una rivisitazione dance del '95 di Occhi di gatto: http://www.youtube.com/watch?v=_8aMHa0sMWA


6 commenti:

valetex ha detto...

ok quando ci giocavamo io la checca e la robbi ero sempre kelly.. mitica!
ADORO occhi di gatto, voglio essere loro!!!!
quelle tutine.. vi prego giuratemi che ad halloween ci vestiamo così!?!
ok poi nn è che usciamo per strada.. però un bel video.. ;P

RobbyMoira ha detto...

E' vero VALE ! ci abbiamo giocato x un sacco di tempo...e mi ricordo che la ns base era davanti alla casa di nonna cisa e ke x spostarci usavamo la bici...! ma quanti viaggi ci siamo fatte ?! Cmque , decisamente il mio cartoon preferito..e chissà perchè quelle tutine sono sempre attuali ( avere il fisico delle gattine pero' ).. Potremmo proporlo x carnevale.. avreste il coraggio pero' di uscire allo scoperto?!!

Luca82 ha detto...

Ragazze, a parte l'ovvietà di dirvi che anch'io ho sempre sognato di vestirmi con le loro tutine (sopratutto quelle di Sheila e kelly) da bravo maschione quale sono, volevo segnalarvi che ci sono altre ragazze che hanno già avuto quest'idea e che alcune di loro hanno realizzato dei costumi davvero da paura! Guardate un pò che roba:

http://www.comicsblog.it/galleria/scopri-il-cosplay/4

grinch ha detto...

Luca,vorrei solo rammentarti:
-le nostre entrate a Bologna city con la sigla di occhi di gatto
- il pezzo della sigla che fa "poichè fanno sempre tutto con prudenza"..infatti lasciano solo una carta con la loro firma...AHAH!

poi si potrebbe aprire un dibattito sul perchè i personaggi dei cartoni giapponesi sembrano tutto fuorchè giapponesi,ma fa lo stesso.. :)

Luca82 ha detto...

Hai ragione grinch, la sigla di occhi di gatto rimarrà sempre una delle mie preferite (insieme a quella di Jem, presto su questo blog!) per le entrate trionfali bolognesi (e non)!

Il "poichè fanno sempre tutto con prudenza" forse l'ha scritto costanzo insieme a "se telefonando", dopo il primo rapporto con la de filippi...
solo così si spiegherebbe lo svarione!

Sulla somiglianza coi jappi direi che qualche personaggio può avvicinarsi al genere nipponico (vedi il capo e il signor marloss) ma tutti gli altri sono molto american style!

Alice invece, la collega di Mattew, ha qualcosa di Emanuela Falcetti:
http://www.broadcastitalia.it/immagini/falcettifotojpg.JPG

valetex ha detto...

no è diverso
alice è la falcetti!